Corleto Perticara, un accogliente comune della Val D’Agri, ha le sue radici nel periodo angioino, ma è stato al centro di interesse storico soprattutto durante la fase borbonica e oltre. Situato a 757 metri sul livello del mare, nella Val d’Agri, Corleto Perticara si estende nella parte centro-orientale della provincia, al confine con la parte centro-occidentale della provincia di Matera.

Paesaggio e Natura Rigogliosa

Il comune è abbracciato da una miriade di corsi d’acqua, tra cui i torrenti Fiumarella, Cerreto, Favaleto e il fiume Sauro. La sua posizione lo colloca tra le montagne interne dell’Appennino Lucano. La generosità della natura si rivela attraverso numerose sorgenti d’acqua e una ricca varietà di boschi. Le foreste di cerri, faggi e abeti bianchi, insieme a castagneti, noccioleti e fustaie di conifere, creano un paesaggio boschivo diversificato e suggestivo.

Contrasti Paesaggistici

Corleto Perticara offre uno spettacolo di contrasti con i suoi calanchi aspri che si estendono verso sud-est. Questa zona è caratterizzata da una transizione geologica notevole, con formazioni calcareo-marnose e arenaceo-marnose che lasciano gradualmente il posto a formazioni mioceniche di argilloscisti grigi e rocce pelitiche. Questa diversità geologica contribuisce alla bellezza e alla varietà del paesaggio di Corleto Perticara, creando una cornice unica per la storia e la vita quotidiana del comune.