San Chirico Nuovo, il più piccolo centro dell’Alto Bradano, si erge su una collina, abbracciato da suggestivi paesaggi montani. Nonostante le sue dimensioni ridotte, il comune accoglie una vasta area boschiva, regalando ai visitatori la sensazione di immergersi in una natura verde e accogliente.

Le Radici Antiche di San Chirico Nuovo

Le origini di San Chirico Nuovo risalgono al VI secolo a.C., quando sorse in una località chiamata “Serra”, situata a meno di un chilometro dall’attuale centro abitato. La testimonianza della sua esistenza emerge attraverso scoperte archeologiche effettuate nel corso del tempo. Nel 1858 e nel 1986, la Sovrintendenza Archeologica di Potenza portò alla luce reperti che narrano la storia millenaria di questo luogo.

Scoperte Archeologiche: Templi e Vita Antica

Gli scavi hanno rivelato reperti significativi, tra cui vasi di terracotta, un’armatura tipica dei soldati lucani, monete romane e greche, e pietre con iscrizioni sepolcrali. Due templi (sacelli) dedicati alla Dea Artemide, a Demetra e ad Afrodite sono emersi recentemente, indicando che nel VI secolo a.C., il sito in località Serra era abitato da popolazioni di cultura daunia nord-lucana, forse i Peukentiantes menzionati da Ecateo, un geografo greco del VI secolo a.C. Queste genti, affini alle popolazioni apule della Daunia, hanno lasciato tracce della loro presenza e delle loro pratiche culturali in questa affascinante regione montana.